17/01/2019

Italia sotto la media europea di Ostetriche per abitanti



Secondo dati Eurostat, la distribuzione delle 260.000 Ostetriche negli Stati membri dell'Unione Europea è molto eterogenea: il numero più alto di Ostetriche viene registrato nel Regno Unito, con 31.000 unità, seguito da Germania e Francia, con 23.000 unità, e Polonia, con 22.000.

Nel 2016, l'Irlanda ha avuto il rapporto più alto di Ostetriche rispetto alla sua popolazione con 382 Ostetriche ogni 100.000 abitanti, dato che va contestalizzato considerato che tiene conto delle colleghe autorizzate a praticare la professione e quindi non necessariamente attive. Svezia, Polonia (dati del 2015) e Belgio (dati del 2014) hanno registrato un rapporto compreso tra 59 e 75 ostetriche ogni 100.000 abitanti.

E l’Italia? 

Il Belpaese è fermo a 27,2 Ostetriche ogni 100.000 abitanti, valore simile a quello tedesco, ma con la presenza secondo il dato Eurostat di 16.507 professionisti.

All'estremo opposto, il numero più basso di Ostetriche rispetto alla popolazione è stato registrato in Slovenia, dove in media ce n'erano solo 9 ogni 100.000 abitanti nel 2016.

Ungheria, Austria, Romania, Spagna, Lettonia e Paesi Bassi hanno riportato 17-22 Ostetriche su 100.000 abitanti. Un confronto tra i dati più recenti per Svezia e Slovenia mostra che ci sono state 8,5 volte più Ostetriche per 100.000 abitanti nel primo rispetto al secondo Stato.

Tra i 27 Stati membri dell'Unione Europea per i quali sono disponibili dati per il 2011 e il 2016, si è registrato un aumento del numero di Ostetriche rispetto alle dimensioni della popolazione in tutti tranne sei. Tra gli Stati membri che hanno segnalato un calo dei loro coefficienti figurano Lussemburgo, Slovacchia, Regno Unito, Ungheria e Romania - dove le diminuzioni erano relativamente piccole - e la Repubblica Ceca, dove il rapporto è sceso da 42,7 a 37,0 per 100 000 abitanti.